Geomarketing per le recensioni autentiche e nascoste. Il caso recensioni false Tripadvisor su Striscia la notizia

Recensioni false su Tripadvisor

Su Striscia la Notizia  molti giornalisti si sono occupati delle recensioni finte e a pagamento sul popolare network sul quale chiunque può commentare strutture turistiche, alberghiere e ristoranti. Proprio nella puntata di ieri, l’inviato Pinuccio,Pinuccio di Striscia la notizia riapre  il dibattito sulle recensioni false su Tripadvisor. Nelle immagini mandate in onda a Striscia la Notizia è stato mostrato come sia molto semplice acquistare recensioni positive e come invece sia difficile crearne di autentiche attraverso i propri clienti. Nel servizio di Striscia inoltre viene evidenziato come, paradossalmente, le recensioni fatte da persone all’interno del locale (collegate alla rete wifi dell’attività), vengono eliminate dallo stesso TripAdvisor perché ritenute scritte da una sola persona. Di questi e di altri problemi legati alle recensioni false se ne occupò anche Il Fatto Quotidiano. Nel suo servizio un privato intraprendente ha contattato gli iscritti al portale (ristoratori in questo caso) inviando proposte con relativo tariffario di recensioni a pagamento: pacchetti da 10, 20 o 30 recensioni positive. Lo stesso privato al telefono sottolinea come sia facile inserire post fasulli, finalizzati a esaltare o screditare alcuni locali.

Alcuni studi dimostrano che, sopratutto nelle grandi città, circa l’80% delle decisioni riguardo la scelta di hotel, ristoranti e tanto altro, è veicolata da Tripadvisor o siti di recensioni simili. Questo fa intuire quanto grande sia la portata del problema.

recensioni false tripadvisorA questo punto, viene spontanea una domanda. Che c’entra il Geomarketing con questo argomento?

Geomarketing, geo-localizzazione (di conseguenza il mobile ed il mondo delle app), possono essere l’alternativa alle recensioni false?

Ragioniamoci insieme.

Grazie alla geolocalizzazione un utente è abilitato a scrivere una recensione solo se si trova fisicamente nei pressi dell’attività commerciale da recensire. Ecco fatto, abbiamo risolto il problema delle recensioni non autentiche e ridotto potenzialmente il problema delle recensioni negative. Se gli utenti sono geolocalizzati il matrimonio con il geomarketing è fatto.

Come già citato in articoli precedenti, sono molte le app che stanno sfruttando la localizzazione per migliorare il mercato attraverso il geomarketing. Tra queste c’è Localiving, una promettente startup italiana. Localiving con le sue app mette in contatto diretto tra loro i clienti e le attività commerciali. È stata da poco aggiunta la possibilità di comunicare tramite chat non solo con le attività commerciali, ma anche con gli utenti, proprio per poter ricevere consigli e recensioni autentiche in tempo reale dagli utenti che conoscono la zona. L’idea su cui si basa Localiving sta tutta nella risposta alle seguenti domande: “chi meglio delle persone del luogo conosce le attività commerciali della zona?”, “chi meglio di un mio conoscente che è stato presso un determinata attività può recensirmela?”. Inoltre se le recensioni vengono scambiate tramite una chat privata, si possono risolvere innumerevoli problemi legati alla visibilità di contenuti scomodi, si evita il problema di recensioni troppo vecchie e l’autenticità viene garantita dal fatto che un utente deve necessariamente rispondere “manualmente” e non può farlo in maniera automatica.